In offerta!

Barbaresco 2013 Sordo DOCG

30,00 25,00 Tasse incluse

2 disponibili

SKU: 025 Categories: , , , Tags: , , , , ,
Uvaggio: 100% Nebbiolo
Anno: 2013
Capacità: 0,75 cl
Gradazione: 13,5% vol
Servizio: 18 – 20 gradi
Storia: Il Barbaresco, un vino piemontese di origini antichissime. Più di duemila anni fà i romani iniziarono la sua produzione liberando aree del territorio cuneese ricoperte da boschi. Ancora oggi a nessuno è chiaro quali vitigni venivano utilizzati, ma documenti risalenti al 1200 parlano di vino chiamato “Nebiùl”, questo fa pensare che si ritiene ad antichi progenitori del nostro odierno Nebbiolo.
Il 1966… l’anno che rese importante il Barbaresco, con un decreto del 23 Aprile venne dichiarato DOC insieme al suo cugino Barolo, tra i primi in Italia a ricevere questa attestazione, che nel 1980 si trasformò nell’ ambita DOCG. Attualmente questo vino viene prodotto in “Barbaresco” e “Barbaresco Riserva”, seguendo alla lettera la sua disciplinare e prodotto solo da uve 100% Nebbiolo, produzione limitata esclusivamente sul territorio dei comuni di: Barbaresco, Neive e Treiso. Anche tutte le operazioni di vinificazioni e invecchiamento dovranno essere eseguite all’ interno del territorio di produzione.
Produzione: La sua vendemmia solitamente viene condotta nelle prime settimane di Ottobre, dopo la pigiatura il mosto viene fatto fermentare in grandi contenitori d’acciaio inox a temperatura di 28/30 gradi per un periodo, che varia per l’annata, tra i 15 e i 25 giorni. Al termine di questa fase comincia la “svinatura”, che consiste nel travaso in diversi serbatoi più piccoli. Grazie a questo il vino viene separato dai depositi di fermetazione e dalle vinacce lasciandolo a riposo fino al successivo Settembre, quando avrà inizio la fase di invecchiamento in botti di rovere per un tempo minimo di 2 anni. Successivamente a questo il Barbaresco dovrà riposare ancora 6 mesi in bottiglia prima che possa essere messo in commercio.
Abbinamenti: Il Barbaresco è a tutti gli effetti un vino elegante, di grande struttura e da un gusto evoluto. Il vino si considera “pronto” per essere bevuto dopo almeno 8 anni dalla sua vendemmia, ma nulla vieta di lasciarlo maturare ancora. Al suo consumo si presenta di un colore rosso granato e di un profumo intenso che richiama sentori fruttati, il suo sapore è morbido, armonico e pieno regalando al palato sentori rosei e fruttati. E’ ottimo abbinato a piatti tipici piemontesi, ma anche ideale affiancato a carni rosse e formaggi di pasta dura. Un’ altro abbinamento consigliatissimo sono i piatti con base di tartufo bianco, come risotti o pasta fresca.